illustrazione Un Muséum atypique illustrazione Un Muséum atypique illustrazione Un Muséum atypique illustrazione Un Muséum atypique illustrazione Un Muséum atypique illustrazione Un Muséum atypique illustrazione Un Muséum atypique

Logo del Musée de France Un museo insolito Guardiano della biodiversità

Il Muséum de Besançon occupa una posizione privilegiata all'interno della Citadelle, un luogo insolito da visitare.
Dalle collezioni di storia naturale alle numerose specie viventi esposte, ecco una panoramica di questa struttura atipica dedicata alla comprensione della biodiversità animale e vegetale e della sua evoluzione.

Comprendere la biodiversità

Studio e diffusione delle conoscenze, conservazione delle collezioni, promozione del patrimonio scientifico e naturale, conservazione delle specie e del loro ambiente, educazione, ricerca, benessere degli animali... le missioni del Museo di Besançon sono a dir poco molteplici! E a ragione, è organizzato attorno a due centri complementari che vi permetteranno di comprendere meglio la biodiversità, la sua ricchezza e la sua fragilità:

  • le sue collezioni di storia naturale con oltre un milione di oggetti, tra cui un'eccezionale collezione di animali naturalizzati, ne fanno un testimone prezioso e una chiave di lettura dell'evoluzione degli organismi viventi. È inoltre riconosciuto come "Musée de France" per l'interesse del suo patrimonio scientifico e naturale,
  • il suo zooÈ rinomato per il suo coinvolgimento in progetti di conservazione di specie locali, come i gamberi di fiume, e internazionali, come i lemuri, realizzati in collaborazione con professionisti della conservazione della fauna selvatica e scienziati. Le sue competenze zootecniche nell'allevamento e nella riproduzione di specie rare e minacciate sono riconosciute a livello internazionale.


La mia visita in sei tappe

1 Il Naturalium

Iniziate la vostra visita con il Naturaliumper scoprire la ricchezza della biodiversità, sia locale che internazionale, come sta cambiando, le minacce agli ambienti e alle specie e cosa si può fare per preservarla.

2 L'acquario

Venite a immergervi nell'insospettabile mondo dell'acqua dolce con l'Acquario. Immergetevi nel fiume Doubs e imparate a conoscere il suo ricco ecosistema, a partire dalla sua complessa flora e fauna, dai molluschi agli storioni. Osservate da vicino gli ambienti acquatici d'acqua dolce, la loro biodiversità e le problematiche legate alla loro conservazione.

3 L'insettario

Continuate la vostra visita all l'Insettariodove si trovano oltre 60 specie di ogni tipo: insetti (formiche, cavallette, insetti stecco, mantidi religiose e api), aracnidi (scorpioni, tarantole, ecc.), anfibi (come dendrobati e mantidi) e molti altri.

4 Il Noctarium

Il tour prosegue con il noctarioIl Noctarium è l'unico luogo di questo tipo in Europa dove è possibile conoscere meglio i piccoli animali della nostra regione. Grazie all'inversione del ciclo giorno-notte, è possibile osservare la vita notturna di decine di piccoli mammiferi e anfibi locali nelle ore centrali della giornata.

5 Il giardino zoologico

Poi viaggiate in tutti i continenti con il Giardino Zoologicoper osservare specie rare di primati, uccelli e mammiferi, tutte inserite nella Lista Rossa IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura) e minacciate di estinzione.

6 La Petite Ferme

La visita si conclude con la Piccola Fattoriadove potrete passeggiare tranquillamente tra capre nane, porcellini d'India, conigli, tacchini e galline.

il Grande Hapalemur

Focus su ...

il Grande Hapalemur

Fino agli anni '80 gli scienziati del Madagascar pensavano che questa specie fosse estinta da più di 100 anni. È stata riscoperta nel 1986 nella foresta di Ranomafana, divenuta Parco Nazionale nel 1991. La deforestazione, l'agricoltura a basso costo e l'inquinamento delle acque causato dalle attività umane sono le principali minacce alla base del drastico declino della sua popolazione.

La missione dell'Association Française pour la Sauvegarde du Grand Hapalémur (AFSGH) o HELPSIMUS è salvare il Grande Hapalemur attuando programmi di conservazione che combinano il monitoraggio scientifico della specie, la protezione del suo habitat, l'aiuto allo sviluppo dei villaggi vicini ai gruppi di Grandi Hapalemur e il finanziamento dell'istruzione dei bambini. Il Muséum ha sostenuto finanziariamente l'associazione sin dalla sua creazione nel 2009, con oltre 20.000 euro donati.

Grazie a Helpsimus, la popolazione selvatica conosciuta del Grande Hapalemur è ora stimata in circa 1.000 esemplari, rispetto ai meno di 100 del 2008. Il Grande Hapalemur è uno dei 25 primati più minacciati al mondo.

Aree animali

Scoprite tutte le specie emblematiche presenti al Museo della Cittadella di Besançon.

Scoprite le specie emblematiche del Museo

Aree animali
Odessa, una tranquilla raccolta botanica

Focus su ...

Odessa, una tranquilla raccolta botanica

All'inizio del XIX secolo, Odessa ospitava un gran numero di francesi. Il sindaco e governatore della città era nientemeno che il duca di Richelieu (pronipote dell'illustre cardinale, ministro del re Luigi XIII). Alessandro I lo chiamò per sviluppare la culla della "Nuova Russia" zarista. Considerato uno dei fondatori della città, costruì le arterie principali della città e un porto sul Mar Nero, che le permise di espandere le sue attività commerciali e le conferì un carattere molto speciale. Se non potete andare a vedere la sua statua di bronzo di fronte al porto della città, potete vedere il ritratto del Duca di Richelieu dipinto da Thomas Lawrence al Musée des Beaux-Arts et d'Archéologie di Besançon(1° piano - sala del XIX secolo).

Il agosto 1823, un botanico francese si recò nella terra di Odessa, ora colpita dai missili russi, per raccogliere questa pianta. Si tratta di un Limonium scoparium (Pall. ex Willd.) Stankov, una pianta con una spiga fiorita arrotolata con piccoli fiori viola chiaro che abita le steppe eurasiatiche. L'autore dell'erbario si interroga sull'elevata variabilità morfologica della specie e riporta in latino sull'etichetta "var. foliis acutis "; varietà con foglia acuta.

È possibile che il nostro botanico, che viveva in Crimea, si sia imbattuto nel poeta russo Alexander Pushkin quando venne a Odessa per foraggiare, dato che proprio quell'anno era in esilio. Nelle sue lettere, Pushkin scrisse che Odessa era un luogo dove "si sente l'Europa. Si parla francese e ci sono giornali e riviste europee da leggere". In quel periodo, molti aristocratici stavano fuggendo dalla rivoluzione e si erano stabiliti in Russia, seguendo l'esempio di Richelieu, così come molti francesi più modesti tentati dall'idea di fare fortuna lì. Il francese divenne gradualmente la lingua dell'alta società russa, soppiantando il latino come lingua internazionale.

Fu così che 200 anni fa, con la massima cura, questa pianta fu raccolta, identificata, essiccata, commentata e inserita nell'erbario di questo immigrato francese. Dopo molte peregrinazioni è arrivata fino a noi e, insieme a centinaia di migliaia di altre, è conservata con cura alla Citadelle, nelle riserve del Museo di Storia Naturale della città di Besançon. Questi campioni vegetali fanno ormai parte del patrimonio naturale e culturale mondiale. In questi tempi di sconvolgimenti, testimoniano la loro presenza in certi luoghi in certe date. Questo campione, in particolare, ci invita a pensare con simpatia all'ambita città di Odessa, conosciuta come la Perla del Mar Nero.

Riferimenti :

Odessa - una città mitica nel mondo mediterraneo di Francis Conte - https://www.persee.fr/doc/casla_1283-3878_2016_num_14_1_1132

Il francese in Russia - https://fr.rbth.com/art/culture/2017/05/26/pourquoi-parlait-on-francais-en-russie_770977

Statua del Duca di Richelieu a Odessa - https://discover-ukraine.info/fr/places/southern-ukraine/odesa/783

Un dipinto di Thomas LAWRENCE, Ritratto del Duca di Richelieu, olio su tela, inv. 896.1.159 è esposto al Museo di Belle Arti e Archeologia di Besançon (1° piano - sala del XIX secolo).

Le collezioni del Museo di Storia Naturale

Il Museo di Besançon si colloca tra i primi dieci musei nazionali per l'ampiezza delle sue collezioni, sia in esposizione che in deposito, che coprono un'ampia gamma di discipline delle scienze della vita e della terra: zoologia, osteologia, paleontologia, geologia, botanica, ecc.

Scoprite le collezioni del Museo di Storia Naturale

Le collezioni del Museo di Storia Naturale