illustrazione La Cittadella di Besançon illustrazione La Cittadella di Besançon illustrazione La Cittadella di Besançon illustrazione La Cittadella di Besançon illustrazione La Cittadella di Besançon illustrazione La Cittadella di Besançon

Logo dell'UNESCO La cittadella di Besançon Protettore dei suoi beni

Emblematica della città di Besançon, la Cittadella è una grande attrazione culturale e turistica. Inserita nel patrimonio mondiale dell'UNESCO, questa grande opera di Vauban è considerata un bene universale da proteggere con cura. Sorprendente e maestosa, questa fortezza di trecento anni è tuttavia accessibile a tutti coloro che desiderano scoprire i suoi segreti e i tesori che contiene!

Foto di una parte della Cittadella di Besançon

Una delle più belle cittadelle
di Francia

Dall'alto dei suoi bastioni, tre secoli ti guardano dall'alto... completato nel 1684, questo capolavoro di architettura bastionata creato da Vauban è considerato una delle più belle cittadelle di Francia. Affacciato sulla città vecchia di Besançon per più di 100 metri, orlato da un meandro del Doubs, offre anche una bella vista sulle colline circostanti. Vasto spazio - non meno di 11 ettari! - ora dedicata alla cultura e al turismo, la Cittadella è servita nei secoli come caserma, campo di addestramento per i futuri ufficiali - "cadetti" -, prigione di stato e penitenziario militare.

Vista laterale della Cittadella di Besançon

Passeggiata nella Cittadella

Per saperne di più sulla Cittadella e la sua storia, dirigetevi verso la Cappella Saint-Etienne, nel cuore del sito: uno spettacolo multimediale vi porta indietro nel tempo e nello spazio per scoprire i momenti chiave che hanno segnato Besançon e il monumento - trasmissione continua, tre proiezioni all'ora.
La visita continua nell'edificio dei Cadetti, con lo spazio Vauban: quattro sale espositive rivelano tutte le chiavi di comprensione del sito.

Con queste basi in mente, apprezzerete la Citadelle con occhi nuovi: salite sui bastioni per godere delle eccezionali viste panoramiche sulla città di Besançon e sull'ambiente naturale circostante. Per andare oltre, seguite la segnaletica e i pannelli didattici lungo il percorso o provate il tour e i giochi interattivi disponibili per tutti sull'applicazione MaCitadelle.
A meno che non siate tentati da una delle nostre numerose visite guidate!

La Torre della Regina della Cittadella di Besançon
Ammirate le viste panoramiche mozzafiato e lasciatevi travolgere dalla magia dello spettacolo sulla Cittadella e la natura circostante
L’anniversaire de la Convention concernant la protection du patrimoine mondial culturel et naturel de 1972

Focus su ...

L’anniversaire de la Convention concernant la protection du patrimoine mondial culturel et naturel de 1972

Il y a 50 ans, le 16 novembre 1972, la conférence générale de l’UNESCO a adopté la Convention concernant la protection du patrimoine mondial culturel et naturel. Elle marque l’aboutissement d’une réflexion internationale débutée en 1959. À cette époque, la construction du barrage d’Assouan en Égypte menaçait de faire disparaître le temple égyptien d’Abou Simbel. La communauté internationale prend conscience pour la première fois de la perte irréparable que représenterait une telle destruction pour l’Humanité toute entière. C’est ainsi que l’idée d’un patrimoine commun et la responsabilité de le protéger prennent naissance. Une campagne de sauvegarde réunissant une cinquantaine de pays est lancée. Enfin, en 1972, les États parties de l’UNESCO signent la Convention pour la Protection du patrimoine mondial culturel et naturel. Elle définit le genre de sites naturels ou culturels dont on peut considérer l’inscription sur la Liste du patrimoine mondial et les obligations des États dans la gestion et la valorisation de ce patrimoine unique. Aujourd’hui le nombre de biens inscrits est de 1154. Chaque pays peut inscrire un site par an.
Les « Fortifications de Vauban », comprenant douze sites, ont été inscrites en 2008.
C’est le 31e bien inscrit par la France qui en comptabilise aujourd’hui 49.

 

Un patrimonio notevole

Nel 2003, Besançon ha avviato il progetto di includere l'opera di Vauban nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO, con il sostegno del Ministero della Cultura e della Comunicazione. Con altri undici siti, la città forma il Rete dei principali siti di Vauban. Tutti sono stati iscritti nella lista del patrimonio mondiale il 7 luglio 2008: un bel riconoscimento del valore universale dell'opera di Vauban e della necessità della sua protezione. Le fortificazioni della città e la Cittadella sono inoltre oggetto di un programma di restauro in corso. Per valorizzare questo fleurone dell'architettura militare conservando il suo aspetto originale, sono necessarie tecnicità ed esemplarità. Per esempio, le competenze dei mestieri sono ampiamente sollecitate, favorendo così la loro padronanza e trasmissione. Ogni estate, la Cittadella offre a un gruppo di giovani volontari l'opportunità di appropriarsi di questo patrimonio partecipando alla sua conservazione, come parte di un campo di lavoro.

Altre otto proprietà UNESCO da scoprire in Borgogna-Franche-Comté.

Un patrimonio notevole